La comunità slow che vuole cambiare il mondo

1.03.20 | Rasegna stampa

Silvio Nobili, Il cielo sopra Esquilino, 1 marzo 2020

Sbarca dagli States nel rione, e per la prima volta in Italia, il nuovo metodo del ‘Community Organizing’.

L’Esquilino è pioniere di questo , almeno in fase formativa, avendo ospitato negli ultimi mesi un corso di formazione tenuto da Diego Galli, presidente dell’Associazione Community Organizing Onlus e sperimentatore in di questa pratica.

La comunità slow che vuole cambiare il mondo

Ti potrebbero piacere anche questi articoli

 

Al via il progetto Periphery Organizing

Al via il progetto Periphery Organizing

Il caffè di Roma, 19 novembre 2020 Dopo diversi incontri organizzativi e logistici (sia online che in presenza) l’associazione di rigenerazione urbana e sociale “Tor Più Bella” ha ufficializzato la partenza del progetto “Periphery Organizing”. Il...

Community Organizing Onlus – prima giornata di pratica

Community Organizing Onlus – prima giornata di pratica

Percorsi Con i bambini, 17 novembre 2020 “Il potere tende a corrompere e poche persone vogliono apparire affamate di potere e corrotte. Ma quello che dobbiamo realizzare è che anche l’impotenza corrompe, forse in modo più pervasivo del potere.” Ernesto...

Hai parlato col Municipio?

Hai parlato col Municipio?

Barbara Bertoncin, Una città, ottobre 2020 Il community organizing, nel divulgare una serie di pratiche trasformative come l’ascolto, la costruzione di una leadership collaborativa, la valorizzazione delle storie di vita e l’analisi delle dinamiche...